• Fermentazioni spontanee

    Utilizziamo solo i lieviti naturalmente presenti sugli acini per far partire le fermentazioni alcoliche.

  • Senza filtri

    Tocchiamo il vino il meno possibile, non filtriamo e non chiarifichiamo e per pulirlo ricorriamo solo ai travasi.

  • Pochi solfiti aggiunti

    Decidiamo di volta in volta se e quanta solforosa aggiungere, con l'obiettivo di imbottigliare vini puliti.

DINTRALCIO · VINO BIANCO

Da vigne vecchie di Moscato che circondano la cantina a circa 500 metri di altitudine su suoli ricchi di marna e calcare.

Fermentazione spontanea senza controllo della temperatura in tini di acciaio e affinamento in acciaio.

"Lasciamo che sia il territorio ad emergere, più che il varietale"

Acquista ora

DOLCETTO · LANGHE DOC

Un progetto one shot perchè nasce da una vigna vecchia di Dolcetto a 450 metri di altitudine che abbiamo dovuto espiantare.

Fermentazione spontanea a grappolo intero (per necessità perchè non avevamo ancora una diraspatrice!) in tini di acciaio e affinamento negli stessi contenitori di almeno 10 mesi.

Il rosso gastronomico per eccellenza: succoso, vivo e ruspante.

Acquista ora

MAKEDÈ · VINO BIANCO

Da uve Favorita coltivate secondo i principi dell'agricoltura biologica nelle vigne che circondano la cantina.

Fermentazione spontanea senza controllo della temperatura in tini di acciaio con macerazione di 10 giorni sulle bucce e affinamento di 10 mesi in tini in acciaio.

'Makedè' letteramente 'ma che è sta roba qui!': un omaggio alle origini romane di Filippo.

Acquista ora

LINCASTRO · VINO ROSSO

Nasce da un taglio profondamente piemontese di Barbera e Dolcetto in parti uguali.

Due microvinificazioni separate in tonneaux aperti, poi assemblaggio dei vini e affinamento in vasche di acciaio.

3 motivi dell’incastro: le pietre incastrate dei muretti a secco, l'incastro di Dolcetto e Barbera e infine noi: qui senza un perchè!

Coming Soon

'Il nostro compito è armonizzare le fermentazioni'

Assecondare il vino nella sua trasformazione, non portarlo per forza all’obiettivo che abbiamo noi in testa. La fermentazione è per natura caotica, noi cerchiamo solo di fare ordine in questo caos.